Guida turistica per visite guidate a Mantova

Splendore del Rinascimento italiano e Capitale della Cultura 2016

MANTOVA

“…questa è una bellissima città e degna c’un si mova mille miglia per vederla” (Torquato Tasso, 1586)
Mantova e la sua provincia offrono una vasta scelta di percorsi turistici, dai più classici giri del centro storico medievale e rinascimentale cittadino con le sue chiese e le sue piazze, ai Palazzi dei Gonzaga, ai percorsi didattici, ma anche itinerari particolari e ricercati in provincia per scoprire i suoi tesori più nascosti. Sapremo cogliere con entusiasmo il fascino e le atmosfere di un tempo ormai perduto. 


Magicamente circondata da tre laghi che le fanno da sontuosa ed intrigante cornice, Mantova è un piccolo, affascinante scrigno di inestimabili tesori artistici, storici, culturali, legati alle vicende del suo passato che potrai scoprire con una delle nostre guide turistiche. Palazzo Ducalela reggia dei Gonzaga, è oggi uno dei complessi più grandi d’Europa con più di 500 stanze, tra le quali la celeberrima Camera degli Sposi di Andrea Mantegna
Un passo lungo la strada principale che attraversa la città ed ecco un'altra meraviglia di Mantova: la Basilica di Sant'Andrea, grande progetto e capolavoro di Leon Battista Alberti. La cripta conserverebbe in base alla tradizione le reliquie del Preziosissimo Sangue di Gesù. In periferia sorge invece l’opera magistrale di Giulio Romano, la residenza estiva gonzaghesca detta Palazzo Te, una villa suburbana considerata tra le più belle non solo del Cinquecento ma di tutta la storia dell’architettura italiana.  

Desideri programmare una visita guidata di Mantova, tra piazze e monumenti rinascimentali? Ecco la storia di una città da scoprire, avvalendosi di una guida turistica accreditata. Sono Stefano Mutti e sono nato a Sabbioneta, dove ho respirato fin da piccolo l'arte e la cultura, appassionandomi per la mia provincia. Sono guida di Mantova dal 1999 e con i miei colleghi posso costruire il percorso che desideri, per te e i gruppi che accompagni.

Perchè visitare Mantova con una guida turistica?

Mantova compare, sul fondo della pianura Padana, circondata dalle acque, in tutta la sua bellezza. Chiudiamo gli occhi per un attimo e immaginiamo il viaggio di un avventuriero dell’800, che con la sua guida, attraversa questa meravigliosa città lombarda. Mantova, la città dei Gonzaga, chiamata anche città virgiliana per aver dato i natali a Virgilio, seduce a prima vista: l’imponente mole di Castel San Giorgio che racchiude la celeberrima Camera degli Sposi o Camera Picta accoglie i visitatori in arrivo che restano a bocca aperta di fronte alla vista di questa piccola Venezia in mezzo alla Pianura Padana, magicamente circondata dalle acque del fiume Mincio, sul quale esperti barcaioli compiono affascinanti navigazioni. Questa bellezza ha permesso a Mantova, insieme a Sabbioneta, di diventare nel 2008 Patrimonio dell'Unesco, come già accaduto alla vicina città di Verona. Come per Mantova, anche visitare Verona è molto più piacevole grazie all'aiuto di una guida turistica. 

Scopri di più: cosa vedere a Mantova con una delle nostre guide turistiche

Prima tappa obbligata delle visite guidate a Mantova è la cosiddetta Casa del Rigoletto, il giullare reso famoso dalle note di Verdi. Giunti su Piazza Sordello ci si trova di fronte, da un lato l'imponente mole di Palazzo Ducale, con la sontuosa reggia della famiglia Gonzaga costruita nell’arco di tre secoli, dall’altro alla bianca facciata del Duomo di San Pietro, con un magnifico e luminoso interno dovuto alla mano del grande Giulio Romano, allievo prediletto di Raffaello. Oltre agli edifici rinascimentali, Mantova conserva ancora i suoi palazzi medievali, risalenti al periodo comunale, quando il centro del potere civile si trovava fra Piazza Broletto, dove si innalzano il Palazzo del Podestà, il Palazzo del Massaro e la Torre della Gabbia e Piazza delle Erbe circondata dal Palazzo della Ragione, dalla Torre dell’orologio, dai portici e dalla casa del mercante. Qui il vero gioiello artistico è costituito dalla suggestiva chiesa romanica di San Lorenzo, raro esempio in tutta Italia di chiesa a pianta circolare, riportata alla luce solo un secolo fa.

Poco distante, su Piazza Mantegna, si innalza imponente la classica facciata della Basilica di Sant’Andrea di Leon Battista Alberti, un capolavoro di architettura rinascimentale, il cui interno a navata unica e cappelle laterali lascia tutti senza fiato e nella cui cripta si conservano i Sacri Vasi. In stile barocco invece sarebbe il più bel teatro in Italia, il Teatro Scientifico realizzato da Antonio Galli Bibiena.

Appena fuori dal centro storico, in periferia le nostre guide turistiche ti mostreranno l'imponente Palazzo Te, vera gloria di quel Giulio Romano che aveva lavorato come allievo presso la bottega di Raffaello e che qui a Mantova progetta e decora una villa suburbana tra le più belle in Italia. Fuori, villa romana, dentro un tripudio di colori e di bizzarrie artistiche e architettoniche. Suggestive sono le monumentali Sale dei Cavalli, di Amore e Psiche e dei Giganti che coinvolgono fino al capogiro l’ignaro turista. 

Qui un video che mostra tutto quello che si può vedere a Mantova durante una visita guidata grazie a una guida turistica esperta. 

Quanto tempo serve per le visite guidate Mantova?

Grazie a una guida turistica è possibile visitare Mantova in una giornata. E' possibile costruire percorsi più brevi o più lunghi a seconda delle esigenze. Per godere della Camera degli Sposi, non sempre aperta al pubblico, serve la prenotazione, fatta per tempo. Per questo è bene organizzarsi e, considerati i tempi di visita, mettere in conto almeno una giornata, se si vuole fare tutto. Si potrà così godere di tutta la città e dei suoi monumenti, costruendo percorsi storici o storico artistici specifici, ripercorrendo la storia dei Gonzaga o di uno degli artisti che ha lavorato alla loro corte. In più, con qualche giorno di visita aggiuntivo, si potranno inserire i bellissimi borghi vicini, come Castellaro Lagusello e Sabbioneta, ma anche Castiglione delle Stiviere e San Benedetto Po, fino a spingersi a quel confine con Verona che affaccia sul bellissimo Lago di Garda
prenota la tua visita
Torna su